Perchè l’ostello è meglio di un hotel ed alcuni ottimi motivi per alloggiarci.

Perchè l’ostello è meglio di un hotel ed alcuni ottimi motivi per alloggiarci.

Ottobre 19, 2018 Off Di Francesco Biestro

Sicuramente la maggior parte di voi avrà già sentito parlare degli ostelli ma probabilmente non ha ben chiaro cosa siano o ne ha comunque una visione distorta qualora non vi ci sia mai trovato a dormire in uno di essi.

Partiamo con la premessa che gli ostelli non sono affatto postacci luridi dove la gente scorrazza avanti e indietro fornicando ovunque. Non ci sono ratti a piede libero ( in India questa afffermazione potrebbe non essere valida) e i bagni non somigliano affatto a quelli che appaiono nei casermoni militari dei film anni ’90.

Così come per qualsivoglia tipologia di struttura la vera differenza la facciamo noi nel momento in cui andiamo a scorrere le opzioni prima di fare la prenotazione, optando per ciò che sembra rispecchiare maggiormente quelli che sono i nostri desideri.

Se la nostra massima aspirazione è la qualità del servizio e della struttura allora basterà cercare recensioni che puntano in questa direzione, vice-versa se vogliamo fare festa fino alle luci dell’alba fregandocene di tutto il resto allora sarà meglio puntare su altre caratteristiche.

Ma quindi questi fantomatici ostelli cosa diavolo sono?

Sono un luogo di ritrovo per tutti coloro che hanno la passione per i viaggi, pochi soldi o semplicemente desiderosi di incontrare volti amici.

La cruciale differenza sta nel fatto che, al contrario dei cugini hotel, gli ostelli sono dotati di aree comuni dove chi alloggia si troverà volente o nolente a spendere diverso tempo.

Questo punto è quello fondamentale.

Certo anche gli alberghi talvolta le hanno ma sono generalmente asettiche, luoghi in cui le persone tendono a voler farsi gli affari propri e non aperte all’interazione. D’altronde non sono li per quello.

Sull’altro fronte invece la situazione è ben diversa. Immaginate una stanza in cui vi sono quattro, otto o venti persone sconosciute, molte delle quali stanno probabilmente viaggiando da sole e quindi alla ricerca di nuovi amici, sedute tutte intorno allo stesso tavolo intente a rilassarsi. Va poi aggiunto che, trovandosi li, hanno sicuramente in comune almeno una cosa con voi: la scelta della meta del viaggio!

Un ostello in Sri Lanka

A questo punto per far scoccare la scintilla basta che una persona a caso, magari più abituata di voi a quell’ambiente, dica una cosa banale come: Hei io sono (nome tizio/a), piacere di conoscervi.

Da qui in avanti gli eventi si susseguiranno da soli senza reale necessità che voi facciate qualcosa.

La cortesia unita alla voglia di interagire faranno il resto.

A turno tutti inizieranno a dire chi sono, da dove vengono e cosa li ha portati li. Gli sviluppi della conversazione porteranno poi il gruppone iniziale a scindersi in altri più piccoli dove si parlerà degli argomenti più disparati che vanno dalla pace nel mondo fino all’abbacchio della nonna.

Il giorno stesso o quello seguente ci si ritroverà per svolgere attività comuni decise insieme. Andare per musei o in siaggia in dieci piuttosto che in due potrebbe essere un’opzione molto più divertente per tutti, pensateci bene!

Se invece vorrete stare soli sarà sufficiente dire che avete altri programmi e darsi appuntamento per la sera o quando vi sentirete più in vena di socializzare. Non ci sono regole, basterà assecondare le nostre sensazioni.

Ma torniamo a discorsi più pratici, le camere.

Combriccola di viaggio in Vietnam formatasi in ostello

Effettivamente qui qualcuno potrebbe obiettare sulla effettiva bellezza del dormire con altre persone.

Prima di tutto però sarete voi a decidere la quantità di compagni di stanza che andrete ad avere, il che significa che il numero potrebbe svariare da zero a duecento.

Negli ostelli ci sono camere private le quali, molto spesso, risulteranno equivalenti in bellezza e pulizia a quelle di alberghi di categorie molto superiori e garantendo molte più possibilità di stringere nuove amicizie.

Per camerate comuni invece il discorso è diverso e mi sento di affermare che potrebbero non essere apprezzate da tutti.

Affrontiamo dunque i vari punti cruciali che possono essere individuati in 3 categorie: sicurezza, pulizia e comfort.

  • Sicurezza: ogni singola camera ed a sua volta ogni singolo letto nel 99% degli ostelli al mondo possiede armadietti di sicurezza che sono individuali, potrete quindi chiudere tutti i vostri averi li dentro e tenerli al sicuro. Portatevi comunque sempre un lucchetto perchè alcune volte non viene fornito. In ogni caso non ci si sente mai veramente in pericolo in questi posti e presto noterete che gli altri viaggiatori tendono a lasciare in giro noncuranti i loro averi.

  • Pulizia: qui ripeto il discorso dipende da ostello a ostello, se ne prenderete uno molto economico non potrete aspettarvi gli standar dell’Hilton. Generalmente comunque, anche andando al risparmio, lo zozzume di Delhi non è comune a nessun ostello.
  • Comfort: questo punto generalmente è il più critico. Molto spesso vi troverete a dormire in letti a castello, insieme a più o meno tante altre persone quindi dipende da voi. Se non siete in grado di tollerare il russare del rompiscatole di turno prendete camere piccole, se invece dormireste durante un bombardamento allora nulla potrà fermarvi.

Piccolo discorso a parte per i bagni.

 

Alcune volte saranno in comune per l’intero piano (ma ovviamente ve ne sarà più di uno) mentre altre volte in comune all’interno della stanza stessa. Il tutto è generalmente specificato sul sito dal quale effettuerete la prenotazione.

I migliori siti a riguardo sono l’intramontabile Booking, Hostelworld con meno scelta ma maggiore qualità e, come ultimo, per i viaggi in europa consiglio Europe’s Famous Hostel il quale elegge un ostello per città (non sempre la città che cercherete ne avrà uno ma vale la pena provare) considerato come il migliore come rapporto qualità/prezzo/festa.

Dunque cosa aspettate? Partite per una avventura, prenotate un ostello e lasciatevi circondare da decine di nuovi amici con i quali passerete delle giornate indimenticabili!

Se ancora siete preoccupati riguardo al  “come scegliere un ostello” prossimamente farò una guda anche su questo quindi continuate a seguirmi.

Copyright© 2019 Francesco Biestro

Translate »