Alcuni trucchi per prenotare un buon ostello e passare delle piacevoli nottate.

Alcuni trucchi per prenotare un buon ostello e passare delle piacevoli nottate.

Ottobre 29, 2018 Off Di Francesco Biestro

Così come per gli alberghi, anche gli ostelli si possono dividere in categorie che vanno dalla stalla alla suite per quanto riguarda la qualità e da casa di nonna a mezzanotte fino a rave party per le possibilità di socializzare e fare festa.

Non sempre però è facile cogliere queste differenze semplicemente guardando sui siti adatti alla prenotazione. Alcuni dettagli piuttosto che altri sono riconoscibili soltanto attraverso le foto e le recensione dei clienti.

Sebbene, pur prendendo gli accorgimenti del caso, potreste comunque ritrovarvi in una struttura che non è di vostro gradimento, seguendo questi consigli potrete almeno aumentare le vostre possibilità di avere un risultato soddisfacente.

I punti fondamentali

  • Guardate sempre le recensioni: gli ostelli non hanno stelle quindi le impressioni degli altri ospiti sono l’unico punto di riferimento valido che potrete trovare. Non fermatevi solo al voto, scorrete almeno le prime 6/7 leggendo ogni riga perchè sarà molto più semplice venire a conoscenza di “brutte sorprese”.
  • Cercate su siti come Hostelworld voti per argomento: benchè su Booking ad esempio i voti siano alterettanto affidabili, su altri siti vi sono voti per ogni singola voce come pulizia, atmosfera, posizione, ecc… rendendo molto più semplice la scoperta di eventuali lacune che potranno o meno interessarci a seconda di cosa cerchiamo.
  • Verificate la presenza di aree comuni: non sono fondamentali nell’economia della dormita ma lo diventano nel momento in cui si cerca di socializzare. Quasi tutti gli ostelli ne sono dotati quindi perchè sceglierne uno senza? Ovviamente anche in quelli sprovvisti si riesce a stringere amicizia ma, specialmente se siete alle prime armi, lo spazio comune renderà il tutto più semplice.
  • La presenza di bar e attività di gruppo: queste non sempre sono facili da reperire, dipende sopratutto dal luogo in cui ci troviamo. In una città come Lisbona i migliori ostelli offrono tutti attività come cene in comune, pub crawl (fondamentalmente uscite di massa la sera a bere), tour a piedi della città in compagnia la mattina e, se siete fortunati, anche un bar al primo piano. Al contrario se vi trovate a Tokyo sarà molto difficile se non impossibile avere tali servizi.

Le due categorie principali

In primis va detto che la voce “atmosfera” è quella a cui fare riferimento per quanto riguarda la parte sociale. Un voto alto è sinonimo di migliori condizioni per tale scopo quindi una maggiore probabilità di trovare nuovi amici, cercate sempre di fare verificare quella in fase di prenotazione.

Detto questo mi è capitato di soggiornare in ogni tipo di struttura, dai palazzoni di Berlino alle topaie di Colombo, da queste esperienze ho imparato a distinguere gli ostelli buoni in due grandi categorie.

  • Backpacker Hostel:  ostelli solitamente più piccoli, tendono ad essere i migliori per socializzare e a stringere amicizie più intime, dove scambiarsi storie e racconti incredibili tra persone che hanno voglia di bere una birretta rilassati chiacchierando con tranquillità. Quelli che nel titolo riportano questa dicitura solitamente tendono ad avere camere di dimensioni minori ed aree comuni ristrette in modo da portare più facilmente al contatto gli ospiti e, quindi, a socializzare.

  • Party Hostel: quelli che invece riportano questa dicitura sono  adatti a fare casino fino alle prime luci dell’alba, hanno sempre un bar o un frigo con dell birre a basso prezzo, organizzano giochi di bevute e uscite di gruppo. Socializzare qui sarà più una cosa tipo “bere da un imbuto 3 lattine di birra mentre gli altri fanno il tifo per te” piuttosto che una pacata conversazione. Impossibile annoiarsi se si alloggia qui ma potrebbe risultare difficile andare a dormire ad ore decenti a causa dei chiassosi ospiti oltre che visitare la città poichè di giorno tenderete a riposare. Questa tipologia tende anche ad essere un po’ meno pulita delle altre a causa del grade traffico.

Qualche altro trucchetto

Gli ostelli più economici (ed intendo proprio il più economico in città) se non si trovano propriamente in luoghi dimenticati da Dio saranno probabilmente abbastanza frequentati anche se con medio/basse recensioni proprio per il loro prezzo. Qui andate un po’ alla cieca, nessuna promessa di divertirsi ma almeno avrete pagato poco.

I palazzoni giganti da tre milioni di camere non sono adatti a socializzare. Molto spesso ci sono troppi spazi per isolarsi o formare gruppi autonomi quindi meglio evitarli se possibile. Oltretutto solitamente non brillano nemmeno per pulizia.

Gli ostelli che costano 3/4/5 volte più della media difficilmente hanno qualcosa di tanto speciale da meritare il prezzo sproporzionato. Se avete soldi da buttare nessun problema ma non c’è garanzia che il servizio valga la cifra.

A volte le diciture sono differenti, può capitare di incorrere nelle guest house o altri nomi di non ben chiara natura. Solitamente questi sono ostelli o comunque cose simili nel prezzo e nella sostanza quindi nessuna paura.

Ultimo ma forse miglior consiglio che vi posso dare è: non prenotate tutta la vacanza in un solo ostello, specialmente se avete intenzione di stare molti giorni. Prenotate la prima o al massimo la seconda notte in modo tale che, se non fosse di vostro gradimento, non vi sarete rovinati tutta la vacanza e potrete cambiare sistemazione in favore di una migliore.

Non vi preoccupate per i giorni successivi, se siete in una grande città sarà quasi impossibile non trovare una sistemazione a meno che non vi sia un grande evento tipo festival o capodanno.

Solo e soltanto in questi casi è consigliabile prenotare tutti i giorni della permanenza.

Se poi avete richieste speciali come quella di un letto in basso o del bagno in camera lo spazio delle “richieste speciali” è sempre disponibile per ogni sito, basta farlo sapere e sarete facilmente accontentati.

Ora che sapete tutto questo siete praticamente invincibili, armatevi del giusto spirito per l’avventura e lanciatevi in una esperienza che potrebbe presto diventare la vostra droga dalla quale non riuscirete più a separarvi.

Non c’è nulla di più bello che partire con uno zaino per scoprire nuovi posti e tornare con una vagonata di amici da ogni angolo del mondo.

Copyright© 2019 Francesco Biestro

Translate »